Ultima modifica: 1 Marzo 2019
Home > Il CODING a scuola

Il CODING a scuola

   

 

 

Imparare a pensare è fondamentale per imparare ad apprendere  cit. Maria Montessori

 

 

Coding @ scuola: programmare in classe.

Così come la storia, l’inglese e l’italiano, secondo alcuni il “coding” è una materia fondamentale per le nuove generazioni di studenti. 

Anche per questo in Italia il Ministero dell’Istruzione (Miur) ha cominciato dal 2014, con il progetto “Programma il Futuro”, a sperimentare nelle scuole l’introduzione di lezioni di programmazione informatica.

L’idea è quella di arrivare a sempre più studenti, per introdurli nel mondo di questo linguaggio. Alle scuole sono stati, quindi, dati alcuni semplici strumenti per fornire ai bambini/ragazzi i concetti base dell’informatica, attraverso il gioco e le attività di gruppo.

Il Coding possiamo intenderlo come una nuova lingua che permette di “dialogare” con il computer per assegnargli dei compiti e dei comandi in modo semplice.

Giocando a programmare si impara ad usare la logica, a risolvere problemi e a sviluppare il “pensiero computazionale”, un processo logico-creativo che consente di scomporre un problema complesso in diverse parti, per affrontarlo più semplicemente un pezzetto alla volta, così da risolvere il problema generale.

Con il Coding quindi anche i bambini potranno risolvere problemi “da grandi”, e diventare soggetti attivi della tecnologia, creando un piccolo videogioco e delle storie in pochissimo tempo. 

La nostra esperienza con il Coding

Nel mese di ottobre 2019 è iniziata la nostra avventura con il CODING. Le classi  coinvolte, per il desiderio di cimentarsi e sperimentare, sono: le prime, le seconde e le terze della scuola Primaria di Bisuschio e le terze della scuola Primaria di Cuasso al Monte.

Noi  maestre  con l’aiuto dei bambini abbiamo realizzato una enorme griglia, formata da un reticolo con tante celle, sul pavimento di uno degli atri della nostra scuola creando così il nostro Laboratorio di CODING.

Dopo aver analizzato una storia inventata, abbiamo lavorato molto sui concetti topologici destra/sinistra, avanti/dietro, dentro/ fuori in salone attraverso percorsi motori e giochi psicomotori. I bambini hanno così potuto  sperimentare, nel nostro Laboratorio di Coding, l’esecuzione dei percorsi seguendo semplici istruzioni impartite inizialmente da noi insegnanti, successivamente dai compagni.

Abbiamo svolto attività di UNPLUGGED, alternando le attività ludiche sul reticolo con quelle di compilazione di schede didattiche finalizzate, cioè senza l’uso di computer. In seguito i bambini hanno fatto finta di fare i robot, hanno poi eseguito e impartito ordini e procedure.

Insieme abbiamo realizzato un piccolo robot e in occasione del Carnevale costruiremo delle divertenti maschere di robottini diversi per immedesimarci ancora di più nel loro ruolo; poi eseguiremo e daremo istruzioni per giocare e imparare tutti insieme, divertendoci.

Far esercitare i bambini ad eseguire istruzioni, è risultato fondamentale per le attività di coding successive.

Inoltre, con il supporto della Lim in classe, ci siamo collegati, giocato e divertiti con la piattaforma  code.org, dove con giochi e video si impara a vincere le sfide e a risolvere i problemi: basta leggere le istruzioni, osservare con attenzione i tranelli e ragionare sulla migliore soluzione per portare il  personaggio alla fine dei labirinti che ci vengono mostrati volta per volta. 

Infine abbiamo conosciuto Cubetto e Bee-Bot, due simpatici robot e  abbiamo programmato i loro percorsi  per raggiungere gli obiettivi richiesti.

Osservazioni e riflessioni 

Attraverso questo laboratorio intendiamo stimolare il pensiero computazionale, cioè invitare i bambini a risolvere i problemi con creatività, insegnare un nuovo linguaggio legato alla programmazione tecnologico-informatica e guidarli ad approcciarsi alle tecnologie in maniera attiva così da dire alla “macchina” quello che deve fare.

Per i bambini è stata  e lo è ancora una splendida occasione di gioco, ma nel contempo un momento in cui hanno dovuto cooperare e ragionare insieme per risolvere i problemi, usando sia il pensiero astratto, che procedendo per tentativi ed errori.

I bambini hanno giocato con entusiasmo e noi insegnanti ci siamo divertite insieme a loro!

 

Giochi sul reticolo nel Laboratorio
di Coding
con le cards

Le nostre
Coding Cards
Attività ludiche sulla piattaforma 
Code.org
Attività ludiche con il robottino
 Cubetto
Giochiamo e impariamo con Bee-Bot Partecipazione al Code-Week col prof. Alessandro Bogliolo



Link vai su Top