Ultima modifica: 26 Febbraio 2019
Home > Bullismo e Cyberbulismo

Bullismo e Cyberbulismo

 

La Regione Lombardia con la Legge del 1 febbraio 2017 “Disciplina degli interventi regionale in materia di prevenzione e contrasto al fenomeno del “bullismo e del cyberbullismo” ha iniziato un percorso per prevenire e contrastare questi fenomeni. 

La prima attuazione della legge, a.s. 2017/18, ha previsto, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale, una serie di iniziative volte da una parte all’organizzazione e realizzazione di un percorso di formazione per il personale docente dell’intero sistema d’istruzione e di formazione lombardo, dall’altra alla promozione e sostegno di progetti territoriali incentrati sul tema della prevenzione e contrasto del bullismo e cyberbullismo.

Il 7/02/2019 in occasione della terza edizione della Giornata Nazionale contro il bullismocyberbullismo in molte città italiane e scuole sono stati organizzati eventi e/o convegni di sensibilizzazione per affrontare le tematiche di grande rilievo ed indiscutibile attualità fra le nuove generazioni e sono state offerte, pertanto, occasioni di riflessione sia agli studenti sia ai genitori sia ai docenti.

I pericoli della rete connessi al bullismo e al cyberbullismo, sono al centro di diversi dibattiti; fenomeno sempre più dilagante le cui discussioni a riguardo fanno emergere notevoli quesiti e perplessità allarmanti sul significato del male.

Per prevenirlo si chiede la collaborazione massima sia degli studenti sia dei docenti sia dei dirigenti, poichè la scuola, dopo la famiglia, è luogo principale d’aggregazione.

Occorre, pertanto, innanzitutto un dialogo costante con alunni, professori e genitori per sensibilizzare e prevenire il fenomeno, per permettere all’eventuale vittima bullizzata di non subire ulteriori violenze e di non vergognarsi di denunciare l’accaduto alle figure adulte di riferimento.

Come tutte le istituzioni scolastiche che sono chiamate a diventare parte attiva nella realizzazione di campagne che dicano “No” a tali fenomeni, anche Noi ci siamo attivati e stiamo dedicando, già da qualche anno, tempo e azioni di sensibilizzazione rivolte non solo agli studenti, ma a tutta la comunità.

Nel nostro Istituto Comprensivo “Don Milani” sono state individuate due Figure, la referente prof.ssa Raffaella Citarella coadiuvata dal prof. Mauro Longo, che si sono formate con corsi programmati dal Miur e si sono attivate promuovendo attività finalizzate a buone pratiche all’interno delle classi sia come informazione/prevenzione sia come repressione.

Sono stati formulati dei questionari, dei quali alcuni rivolti alle famiglie e altri rivolti agli alunni delle classi quarta e quinta della scuola Primaria e Secondaria di primo grado di Bisuschio e Cuasso.

Il nostro Istituto ha partecipato al bando “Bullout” indetto dalla regione Lombardia nell’anno scolastico 2018-2109, in rete con le alcune scuole della Valceresio: Induno Olona, Arcisate e Viggiù posizionandosi al terzo posto su centosettanta scuole partecipanti.

Questo ha permesso di ottenere i  fondi PON per la prevenzione, il contrasto e la formazione sulla tematica del Bullismo e Cyberbullismo.

Pertanto nei diversi plessi del nostro Istituto  queste tematiche saranno affrontate, articolando gli interventi previsti dal Progetto “Bullout”.

Prospetto degli interventi programmati  Progetto Bullout - Regione Lombardia
Titolo: Prospetto_interventi_programmati_Progetto_Bullout (0 click)
Etichetta: Prospetto degli interventi programmati Progetto Bullout - Regione Lombardia
Filename: prospetto_interventi_programmati_progetto_bullout.pdf
Dimensione: 90 KB

Link utili per approfondimento:

 

Il MIUR, a partire dal 2012, ha aderito al Programma comunitario “Safer Internet”, istituito  dal Parlamento Europeo e dal Consiglio dell’Unione Europea; il  programma prevede:

  • la definizione di una serie di azioni strategiche per la promozione di un uso consapevole, sicuro  e responsabile di Internet fra i giovani;
  • il finanziamento di interventi a livello europeo e nazionale attraverso la creazione di poli di riferimento sul tema: “Safer Internet Center – Centri Nazionali per la sicurezza in Rete”.
  • In Italia è stato realizzato il Progetto “Generazioni Connesse” – Safer Internet Centre (SIC) co-finanziato dalla Commissione Europea, coordinato dal MIUR con il partenariato di alcune delle principali realtà italiane che si occupano di sicurezza in Rete: Ministero dell’Interno-Polizia Postale e delle Comunicazioni, Autorità garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Save the Children Italia, Telefono Azzurro, EDI onlus e altri enti/associazioni. 

 

www.generazioniconnesse.it a cura del Safer Internet Centre italiano (coordinato dal MIUR)

 

 

Generazioni Connesse agisce su diversi ambiti specifici, tra questi: la realizzazione di programmi di educazione e sensibilizzazione sull’utilizzo sicuro di Internet rivolti ai bambini e  adolescenti, genitori, insegnanti, educatori). Il Sito web del SIC contiene importanti materiali didattici sviluppati ad hoc per le scuole. Collegandosi, infatti, all’indirizzo https://www.generazioniconnesse.it/site/it/ilcyberbullismo/ è possibile scaricare direttamente in formato digitale per poterlo consultare tramite pc, tablet o smartphone, oppure stamparlo e distribuirlo agli studenti. Ogni anno a febbraio viene organizzata la manifestazione internazionale “Safer Internet Day” (SID) al fine di consentire a tutte le scuole di ogni ordine e grado di promuovere un utilizzo più responsabile delle tecnologie legate ad Internet, specialmente tra i bambini e gli adolescenti. 




Link vai su Top